La MCI di Pforzheim augura alla comunitá buon 2016

 

© by TeleVideoItalia.de - Rotocalco italiano in Europa - Portale TV Stampa di Angela Saieva. Apriamo il nuovo anno incontrando i sacerdoti guanelliani della comunità italiana di Pforzheim p.Wieslaw Baniak e p. Rocky (p. Maria Arokiadoss Antonyraj) guidati  dall’esortazione  di Papa Bergoglio che, nell’indire l’anno  Santo  della  Misericordia, ci invita ad accogliere, festeggiare e diventare oasi di Misericordia. La nostra opera guanelliana é quella di raggiungere il maggior numero possibile di italiani per salvaguardarne la fede e per amministrare i sacramenti ma senza tralasciare ogni altra attività religiosa, culturale e ricreativa, ci spiega p.Wieslaw Baniak.

 

La famiglia resta un caposaldo della identità italiana nel mondo e questo include la generosità, la capacità di adattamento alle più svariate situazioni e l’accettazione di una nuova situazione non sempre facile da gestire. Sentiamo cuotidianamente la necessità di rispondere in maniera adeguata alle esigenze della nostra comunitá emigrata, attraverso incontri, giornate di studio, visita alle famiglie, agli anziani, ai malati in ospedale e a casa. Poter accompagnare una persona nella sua ultima fase della vita ci ha reso inoltre ancora molto più sensibile e specialmente più grati verso gli stessi e i piú bisognosi.

 

Nel corso dell’anno passato nella nostra comunitá si é celebrato un gran numero di battesimi, preparato coppie di fidanzati al matrimonio cristiano in parte celebrati in zona. Assieme alle catechiste della nostra missione e che ringraziamo particolarmente abbiamo preparato una ventina di giovani al sacramento della cresima. Si é celebrata la giornata dell’ammalato con unzioni degli infermi, celebrati funerali e diverse benedizione di salme tumulate in Italia. Si é cercato di essere presenti nel dare aiuto e sostegno per chi ha difficoltà sociale ed economiche. Proprio stamani abbiamo salutato il nostro consigliere generale, p. Luigi Di Giambattista, rimasto con noi in questi giorni di festa e consegnato una cospicua offerta raccolta tra la nostra comunitá italiana del posto in donazione ad un centro ospedaliero in Tanzania, Africa, che ospita disabili e ca. 800 bambini meno fortunati di noi. Un progetto che noi tutti ci auguriamo possa ottenere pieni risultati.

 

Non sono mancate comunque le feste ricreative presso la nostra missione, come anche quelle religiose, il raduno di giovani e gli innumerevoli viaggi di pellegrinaggio. Ammettiamo che il nostro non é stato certo un cambiamento facile nel modo di inserirci, di pensare, di agire e interagire in questa comunitá italiana di Pforzheim da quando l’emerito p. Don Santi Mangiarratti ci ha lasciato generosamente il suo posto. Abbiamo avuto il piacere di ospitarlo appena quattro/cinque settimane fa. Lo abbiamo visto sereno e molto piú carico di quando si é ritirato a Međugorje. Ci sentiamo spesso ed é bello. Sicuramente a noi occorre molto tempo ancora per essere amati e capiti come il nostro precedessore ma se si cammina insieme e ci si avvicina nel dialogo, tutto diventa più facile.

 

P. Rocky ed io ci riteniamo soddisfatti per quanto assieme alla comunitá italiana di Pforzheim é stato fatto lo scorso anno. Pensiamo pertanto che abbiamo chiuso il 2015 positivamente e uspico che la nostra comunitá continui a seguirci numerosa e ad essere sempre piú presente e attiva sia nel cammino spirituale che in quello solidale. Ringrazio anche voi della redazione che prestate la vostra attenzione al fabbisogno della comunitá italiana in generale sparsa nel modo. Buon anno a tutti.

 

Servizio televisivo e stampa, redatto dagli studi televisivi di TeleVideoItalia.de  in collaborazione con la SDA FotoVideo Production Channel-TV TeleVideoItalia.de  Corriere d'Italia  AISE  SINE  - © by TeleVideoItalia.de - Tutti diritti riservati.

Tags: le interviste di Angela Saieva

Please reload

 © Copyrigh TeleVideoItalia® - Angela Saieva www.televideoitalia.net - Alle Rechte vorbehalten  © www.televideoitalia.de - Umsatzsteuer Id.Nr.: 41175/50276  Die Bilder und Text sind  urheberrechtlich geschützt. Bitte beachten Sie, dass Ihre IP-Adresse wird in der Geschichte dieser Website erfasst und für den Fall der Verletzung von Urheberrechten identifiziert.