l'Apulia Piano Brass Ensemble ospite a Stoccarda, per il Concerto del Nuovo Anno

© by TeleVideoItalia.de - Rotocalco italiano in Europa - Portale TV Stampa di Angela Saieva. É proprio il caso di dire che la nostra cultura non ha confini e che i nostri rappresentanti in suolo tedesco non finiscono mai di sorprenderci. Si è tenuto con tutto esaurito venerdì 18 gennaio, presso l’ala grande del Municipio di Stoccarda, il tradizionale “Concerto per il Nuovo Anno”. A fare assaporare i Suoni del Sud è stata l'Apulia Piano Brass Ensemble nata dalla collaborazione tra, l’Associazione di Alta Cultura Musicale W. A. Mozart di Tricase (Le) e il Conservatorio U. Giordano di Foggia, con l’intento di fornire ai giovani musicisti diplomandi e diplomati delle occasioni di crescita artistica e di apprendimento basato sul learning by doing. Il concerto, che ha suscitato grande emozione, è stato organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda con l’Associazione Freunde des Italienischen Kulturinstituts Stuttgart e.V.  in collaborazione con l’ARCES e.V. di Stoccarda e il Conservatorio U. Giordano di Foggia.

 

L’Ensemble, che ha come punti di riferimento artistico e didattico il M° Antonio Falcone e il M° Giuseppe De Marco del Conservatorio U. Giordano di Foggia ed il M° Giovanni Calabrese Presidente nonché direttore artistico dell’Associazione Mozart di Tricase, è partita per conto d’importanti istituzioni concertistiche e che ha visto una serie di concerti estivi seguiti da una tournée invernale in Puglia, dal Gargano al Salento, toccando per la prima volta anche il suolo tedesco. Il nobile repertorio che ha spaziato in un modo sublime tra le arie d’opera alle colonne sonore e che hanno fatto la storia della musica da film, passando per i brani della tradizione partenopea e pugliese, è stato magistralmente diretto dal M° Giuseppe De Marco. Apprezzatissima anche la sua classe di musicisti composta ai tromboni dai Maestri Giuseppe De Marco, Fedele Di Mucci, Antonio Di Biccari e Paolo Accogli. Alle trombe da Valerio Vantaggio, Antinea Irmici e Daniele Nocella. Alla tuba da Salvatore Continenza e al pianoforte da Giovanni Calabrese.  

 

Il tradizionale Concerto del nuovo anno è stato aperto dalla dott.ssa Cristina Rizzotti M. A. dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda e dall’illustre vice Console di Stoccarda dott.ssa Elena Sollazzo dove, con l’occasione, ha portato i saluti del Console Generale d’Italia di Stoccarda dott. Massimo Darchini, assente per impegni istituzionali. Il Corriere d’Italia ha incontrato l’intero cast.

 

Porto innanzitutto il Buon Anno alla comunità italiana da parte anche del nostro Console Generale dott. Massimo Darchini. Per l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda questo è diventato ormai, dal 2016, un appuntamento tradizionale nell’augurare il nuovo anno con un concerto non indifferente. Ritengo che la musica sia un messaggio importante per il nostro Paese, in proposito ha detto la dott.ssa Elena Sollazzo hai nostri microfoni. Considerando la grande tradizione musicale dell’Italia, questo è un modo di comunicazione importantissima. Tendo a ricordare che l’Istituto Italiano di Cultura è un organismo presente al Ministero degli Esteri e che in collaborazione con Ambasciate e Consolati ha come ruolo fondamentale la promozione della lingua e della cultura italiana. È stato pertanto un piacere essere presente a questo evento e ringrazio anche voi per l’attenzione mediatica che ci date in svariate occasioni.

 

“Suoni del Sud” è il titolo che abbiamo voluto dare a questa serata del consueto concerto del nuovo anno, ci dice il Mo Francesco Maggio di Italien Musiziert di Stoccarda e che attraverso a una ricca rassegna musicale da anni si muove nell’ambito della promozione della lingua e della cultura italiana in Germania. Abbiamo voluto regalare ai presenti un programma affascinante da Giuseppe Verdi, Astor Piazzolla (talaltro un altro italiano nel mondo come noi), Nicola Piovani con La vita è bella, Ennio Morricone con Nuovo cinema Paradiso, fino ad arrivare con le canzoni napoletane storiche nel mondo da Torna a Surriento di Ernesto De Curtis, Core ‘ngrato di Salvatore Cardillo, all’intramontabile Nel blu dipinto di blu nota come “Volare” di Domenico Modugno, pugliese doc. Insomma brani evento di grande interesse. Ringrazio come sempre il fedele intervento del Corriere d’Italia e voi di TeleVideoItalia.de che ci date l’opportunità di essere presenti all’interno delle vostre programmazioni stampa, come quelle televisive attraverso il supporto della SDA FotoVideo Production.

 

La dott. Cuffaro è stata finora la nostra direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura e a fine gennaio subentrerà il Console Generale dott. Massimo Darchini come nostro reggente ad interim e noi da collaboratori dell’Istituto porteremo avanti, assieme al Console, la programmazione culturale. La dott.ssa Cuffaro è stata per noi una grande direttrice, ci dice la dott.ssa Cristina Rizzotti, ed è su questo spirito che porteremo avanti la sua passione, l’entusiasmo e la grande voglia di trasmettere la cultura italiana all’estero e nel nostro Baden-Württemberg. Il nostro programma chiaramente è rivolto a un pubblico che non conosce ancora l’intera varietà della nostra cultura. Uno dei nostri compiti istituzionali pertanto è quello di essere un ponte solido per la nostra comunità italiana, molto presente nel nostro Baden-Württemberg, offrendo loro opportunità di conoscenza. A maggior ragione siamo presenti in zona e collaboriamo con numerose Associazioni italiane che ci propongono bellissimi progetti come, il Concerto del Nuovo Anno. Manteniamo i contatti anche con centri d’Italia, le Deutsch-Italienische Gesellschaft e le Università, come quella di Heidelberg. Grazie di cuore per il vostro intervento.

 

Felicissimi di essere stati invitati come assemblee dall’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda e dallo stesso ideatore di questo concerto, il Mo Francesco Maggio, che vuole culturalmente la musica italiana rappresentativa non solo in Italia ma anche all’estero. Il contatto con il pubblico è sempre emozionante, pur avendo alle spalle tanti concerti. Siamo orgogliosi di presentare anche a Stoccarda il nostro repertorio che termina in onore della nostra amata Puglia con Domenico Modugno e il suo inno nazionale Volare, ci dice il M° Giovanni Calabrese. La nostra Associazione che sorge nel bellissimo Salento a Tricase, si occupa prevalentemente di divulgazione e dell’alta cultura musicale. Tutto ciò lo facciamo in diversi modi, dall’organizzare concerti, all’allacciare collegamenti con l’estero come in questo caso. Facciamo inoltre nuove produzioni, essendo strettamente legati al M° Maggio dallo scorso ottobre. Di fatti, abbiamo avuto la prima rappresentazione mondiale di un’opera dove egli stesso a scritto la musica a quattro mani, con la poesia di Davide Rondoni. Una bellissima opera intitolata “Ai tremendamente vivi” una cantata per don Tonino Bello figlio del Salento e terra di Puglia. Fu sacerdote a Tricase, Vescovo di Molfetta, un servo di Dio dove presto ci si auspica che sia alzato agli onori dell’altare, termina il M° Giovanni Calabrese. Mi auspico inoltre che i progetti con il M° Francesco Maggio si realizzino ben presto affinché, sia in Italia sia all’estero, possiamo portare a diretta conoscenza quest’opera bellissima anche per voce recitante e assemblee strumentale. Allo stesso modo mi auspico di presentare il lavoro fatto per commissione al M° Maggio, di un concerto per pianoforte e orchestra.

 

Premetto che dirigere questi ragazzi è stato un piacere, per realizzare un progetto ambizioso che il Conservatorio di Foggia ha sposato, ci dice il M° Antonio Falcone. È un importante messaggio musicale quello che ha lanciato e che ha l’intento di divulgare attraverso questi giovani la musica sia leggera sia impegnativa che spazia da Giuseppe Verdi etc. Maggiore è il piacere di essere stati ospiti a Stoccarda, stare in contatto con i miei connazionali e avere contribuito a rendere attimi indimenticabili. Porterò con me l’entusiasmo di questo pubblico meraviglioso, come la vostra calorosa accoglienza a livello mediatico. Vi saluto pertanto solo con un arrivederci a presto.

 

Grazie alla fattiva collaborazione delle associazioni italotedesche e consolari, tanti eventi, appuntamenti e iniziative messi in campo durante l’anno raccolgono grandi consensi dal pubblico, rendendo più intensi ed espressivi tali incontri. È stato uno spettacolo, quello in cui abbiamo assistito con la nostra troupe televisiva, ricco di una tra le tante e infinite bellezze artistiche fatte di grandi musiche e opere italiane che tutto il mondo ci invidia e che raccoglie un patrimonio inestimabile, contribuendo in questo modo a dare risalto ai nostri connazionali italiani emigrati e a rafforzare le loro tradizioni e origini fuori dalla propria terra. Il servizio televisivo redatto in collaborazione con la SDA FotoVideo Production è visibile su televideoitalia.net e su corriereditalia.de

 

Servizio televisivo e stampa, redatto dagli studi mobili televisivi di TeleVideoItalia.de in collaborazione con la SDA FotoVideo Production , Channel-TV TeleVideoItalia  , Corriere d'Italia  AISESINE  - © by TeleVideoItalia.de - Tutti diritti riservati.

Tags: le interviste di Angela Saieva

Please reload

 © Copyrigh TeleVideoItalia® - Angela Saieva www.televideoitalia.net - Alle Rechte vorbehalten  © www.televideoitalia.de - Umsatzsteuer Id.Nr.: 41175/50276  Die Bilder und Text sind  urheberrechtlich geschützt. Bitte beachten Sie, dass Ihre IP-Adresse wird in der Geschichte dieser Website erfasst und für den Fall der Verletzung von Urheberrechten identifiziert.