Concerto solidale a Waiblingen per Samuele

© by TeleVideoItalia.de - Rotocalco italiano in Europa - Portale TV Stampa di Angela Saieva. Si è tenuta sabato 16 novembre a Waiblingen un concerto di benefica a favore di Samuele. L’evento solidale, costituito dai genitori del piccolo, ha coinvolto con diverse tappe non solo il generoso cuore e la sensibilità della collettività italiana residente in Germania ma anche quella in Italia, in particolare quelli della Calabria e di Cosenza. Il Corriere d’Italia ha incontrato i genitori del piccolo Samuele. Ci siamo fatti raccontare, nei limiti concessi, questa loro delicata situazione, come la stanno affrontando ma soprattutto su quali aiuti e mezzi stanno per ora contando.

 

Samuele compie adesso tre anni, ed è nato sano. A due mesi dalla sua nascita, andai dal pediatra per il regolare vaccino. Premetto che, quando glie lo portai, gli feci notare subito che già da tre giorni persisteva la febbre e suggerii di rimandare. Mi rispose di non preoccuparmi. Da lì incominciò invece il nostro calvario, ci racconta trattenendo le lacrime mamma Laura. Appena tre giorni dopo la somministrazione del farmaco, Samuele entrò in coma e nonostante il trasporto d’urgenza in clinica, è rimasto in coma per altre tre settimane. I medici ci diedero poche speranze. Puoi immaginare il nostro stato d’animo, c’è crollato il mondo addosso. La diagnosi rilevò la disabilità, per danno cerebrale ipossico.

Abbiamo iniziato le terapie in Germania, dove continua ad andarci settimanalmente ma nel fare delle ricerche, abbiamo saputo di questa terapia praticata in Slovacchia. È un centro di riabilitazione internazionale, specializzato nella cura di pazienti affetti da deficit neurologici. Credimi Angela, abbiamo fatto di tutto per andarci e non ne siamo pentiti perché, in loro, abbiamo trovato uno spiraglio positivo su Samuele. Pensa, ha fatto progressi in quattordici giorni. Per parlare però, dovrà fare anche la terapia del delfino.

Sono cure costosissime, termina Laura Vocale, per questo non finiremo mai di ringraziare Marco Pagano, Mick Floridia e Lina Corbo che principalmente ci hanno sostenuto e permesso di andare la prima volta in Slovacchia e affrontare tali spese. Peraltro, Marco e il suo staff, stanno continuando ad aiutarci devolvendo, parte degli incassi dei concerti organizzati, per le cure di Samuele. Altrettanto ha fatto il suo artista Andrea Zeta, con parte del suo cachet, come in Italia, per esattezza in Calabria e a Cosenza, la mamma dell’artista Chiara D’Amico, attraverso l’agenzia artistica della cantante, ha organizzato serate di beneficenza in suo onore. Confesso che non mi aspettavo tanta generosità e francamente, te ne rendi davvero conto solo quando lo vivi in prima persona. Per questo, tutto quello che vedo, mi emoziona tantissimo.

Non è facile tutt’oggi parlare di questa situazione, ci dice con voce spezzata dalle lacrime Marcello e fratello minore di Antonio Vocale. Non è il mio mestiere organizzare spettacoli ma la vita ci ha piegato e messo in ginocchio, difronte a questa situazione. La semplice ragione perché sono presente a questi eventi è perché amo la famiglia e difronte a tali situazioni, se posso essere d’aiuto, lo faccio con tutto il cuore e non mi tiro mai indietro.

Cara Angela, il destino crudele ci ha tolto già in tenera età, quanto a noi più prezioso e ancora una volta continua a metterci alla prova, termina Marcello. Nonostante tutto, siamo riusciti a crescere però con una buona cultura, sani principi, valori umani, unione e fratellanza. Pertanto siamo convinti che, esso, continuerà possibilmente a piegarci ma non riuscirà mai a spezzarci finché restiamo uniti.

La gente ci conosce, ci segue e sa che sono fatti reali. Il mio appello principale che mi permetto di fare attraverso le vostre telecamere e a quanti ci sta vedendo e ascoltando è di dirvi: aiutate tutti i bambini che hanno bisogno, ci dice singhiozzando papà Antonio Vocale. Continuate come state facendo anche con il nostro piccolo Samuele. Sappiate inoltre che chiunque si trovi nelle nostre stesse condizioni, specie con bambini disabili, anche noi vi tenderemo una mano.

Parlando da padre e non da organizzatore e imprenditore, so perfettamente che è molto complicato chiedere aiuto ma fatevi coraggio. Sappiate che c’è gente piena d’amore che si mette a disposizione. Ringrazio di cuore voi di TeleVideoItalia.de, il Corriere d’Italia e la SDA FotoVideo Production per esserci stati vicini, averci dato grande attenzione, voce e immagine, comprendendo il nostro dolore portato avanti con garbo e massimo rispetto. Non per ultimi ringrazio anche tutti gli sponsor e gli artisti che hanno aderito ai nostri appelli solidali, che ci hanno dato fiducia in questi anni e che continueranno a farlo in futuro se vorranno, come a tutte le emittenti che accoglieranno il vostro servizio televisivo.

L’evento, che ha registrato Sold Out cinque settimane in anticipo, ha visto la presenza di cantanti non indifferenti come Ciro Amodio, concerto principalmente a lui mirato e che in proposito ha dichiarato tutto il suo amore solidale verso Samuele e la loro famiglia. "Essere uniti artisticamente anche dal lato umano ti fa crescere, ci ha detto, specie in tali circostanze. Se la mia voce possa essere un mezzo di aiuto anche in queste tipologie di eventi drammatici, allora ben venga sempre la mia presenza. Se pur nel mio piccolo, contribuiró all'infinito per giuste cause solidali". Unanime é la grande solidarietá anche di Lina Valerio, Denny Farra e la stessa Chiara D’Amico, atterrata per Samuele all’aeroporto di Stoccarda poche ore prima del debutto a Waiblingen. La cantante, pur essendo impegnata artisticamente in piú date tra la Germania e l'Italia, oltre ad un grande appuntamento mediatico che la vedrá debuttare nel 2020, ai nostri microfoni ha fatto sapere che: in particolare modo ha promesso a "Samuele" di essere presente ovunque ce ne sará bisogno.

La conduzione è stata di Antonio Straface, che a sua volta ha fatto ascoltare delle cover e un suo inedito. La serata, ricca di musica e colpi di scena, ha dato spazio anche ad alcuni giovani talentuosi fuori programma e divertito il pubblico, ma sempre nel rispetto della tranquillità del piccolo “Samuele” presente in sala. È stato uno spettacolo coinvolgente, che ha aggiunto un piccolo ma importante tassello al difficile compito portato avanti con cura, forza, amore e immenso coraggio dai genitori Laura e Tony Vocale. È giuso ricordare che a oggi, centinaia di famiglie si ritrovano a fare i conti con se stessi, con tali problematiche che gli ruotano attorno e come se non bastasse, anche la santa burocrazia ci mette del suo.

Ancora una volta, i nostri connazionali italiani, e non solo quelli di Waiblingen, hanno dimostrato vicinanza, rispetto e grande presenza difronte all’ennesima famiglia inerme. Portare un sorriso o porgere semplicemente una mano a chi ne ha più bisogno, non solo sotto le festività natalizie, è ormai assodato. È però difronte a un grande ostacolo come questo che, di norma, anche le istituzioni competenti dovrebbero in primis intervenire e riconoscere tali gravi patologie nel loro nucleo sanitario.

Dovrebbero fornire una valutazione multidisciplinare, in riguardo alle problematiche pediatriche trasversali e legate a tale gravità o a eventuali errori umani, qualora effettivamente fossero riscontrate, così come fare in modo da costruire sia un programma ai bisogni specifici del singolo paziente, sia riconoscere e sostenerne le cure se non proprio anche le spese dei cittadini regolari, residenti sul loro territorio. Uno studio legale sta curando il caso della famiglia Laura e Tony Vocale, affinché parte, se non tutto questo, sia riconosciuto.

L’auspicio pertanto è quello che: si trovi ben presto una soluzione, per aiutare tutti quelli che giornalmente lottano e affrontano tale handicap. Il reportage televisivo redatto in collaborazione con la SDA FotoVideo Production è visibile al sito televideoitalia.net e corriereditalia.de

 

Servizio televisivo e stampa, redatto dagli studi mobili televisivi di TeleVideoItalia.de in collaborazione con la SDA FotoVideo Production , Channel-TV TeleVideoItalia  , Corriere d'Italia  AISESINE  - © by TeleVideoItalia.de - Tutti diritti riservati.

Tags: le interviste di Angela Saieva

Please reload

 © Copyrigh TeleVideoItalia® - Angela Saieva www.televideoitalia.net - Alle Rechte vorbehalten  © www.televideoitalia.de - Umsatzsteuer Id.Nr.: 41175/50276  Die Bilder und Text sind  urheberrechtlich geschützt. Bitte beachten Sie, dass Ihre IP-Adresse wird in der Geschichte dieser Website erfasst und für den Fall der Verletzung von Urheberrechten identifiziert.