• © Angela Saieva

Nino D’Angelo e Gigi D’Alessio a Sindelfingen successo con Figli di un Re Minore


© by TeleVideoItalia.de - Rotocalco italiano in Europa - Portale TV Stampa di Angela Saieva. Sono atterrate in suolo tedesco le due Star della musica partenopea per antonomasia, Nino D’Angelo e Gigi D’Alessio. Dopo due anni di rinvii causa pandemia, grazie all’impeccabile lavoro svolto dalla MPV Concerti Italiani di Enzo Venturino e Marco Pagano, il progetto “Figli di un Re Minore”, ha finalmente assaporato all’estero il meritato successo. Quattro le strepitoso date firmate, per il ritorno alla grande di uno degli spettacoli leader della buona musica partenopea dal vivo. Noi li incontriamo al Glaspalast di Sindelfingen e tra riflessioni, emozioni e sano umorismo, parte a ruota libera la nostra chiacchierata.

Siamo con due colossal della musica partenopea e permettimi di dirlo, il Re di Napoli Nino D’Angelo e non da meno Gigi D’Alessio. Maestro, a voi la parola

Eh vabbò, troppo buona! Lo spettacolo si chiama proprio Figli di due Re, perché io e lui, non saremo mai dei Re. I “Re” li facciamo fare agli altri. Noi siamo nati tra le persone umili, sia io, sia Gigi D’Alessio e quindi, sta tutto a posto.

Gigi D’Alessio, Figli di un Re Minore effettivamente è partito nel 2019 per arrivare solo oggi all’estero ma di là di tutto, il progetto da dove, come e soprattutto perché è nato?

Guarda Angela, Nino ed io ci conosciamo, credo, almeno da trentacinque anni. Ci vediamo spesso a casa mia o a casa sua e davanti a un bicchiere di vino è nato questo progetto. Purtroppo la pandemia ci ha bloccato, non è stata colpa nostra. Come vedi però, non appena hanno riaperto, siamo stati i primi a venire. Ci dispiace che il pubblico ha aspettato tanto tempo e con i biglietti già comprati ma purtroppo è dipesa soltanto per cause di forza maggiore e non da noi. Di là di tutto però, noi facciamo questo perché ci piace, perché ci divertiamo, stiamo bene insieme e soprattutto perché siamo quella parte di artisti “napoletani” che hanno sempre voluto portare la musica napoletana e italiana nel mondo.

Nino D’Angelo, ho costatato che c’è in sala anche un pubblico tedesco, qual è la vera clausola vincente e come riuscite a far entrare la musica napoletana, nel cuore di così tanta gente?

Noi siamo figli della più bella espressione musicale, che ci sta nel mondo. Per noi la canzone napoletana…, la “canzone napoletana” è più forte di me e Gigi perché noi, quando facciamo la canzone ci dicono che è bello, quando li andiamo a confrontare con i classici napoletani ci “miettemmu a ridere”. Noi siamo…, noi abbiamo la fortuna, quella di essere napoletani e di essere dei cantanti napoletani, perché: è da un po’ di tempo che questa parola non si usa più! Noi vogliamo che questa “parola” non muoia mai perché “senza i cantanti napoletanichi a canta quella canzone napoletana? Dico bene Maestro?

“Si sono appropriati tanti…” amareggiato ci conferma Gigi D’Alessio “…anche i più grandi tenori portano, vanno a fare successo nel mondo con la canzone napoletana; noi siamo figli di quella canzone e quindi diciamo “ci spetta” tra virgolette “per diritto” perché la canzone napoletana è come se fossero “i nostri genitori” e noi siamo i “figli” che cerchiamo di difenderla degnamente”. “Ecco…”, sdrammatizza ironicamente Nino D’Angelo “…siamo due “poveri Re” per questo, perché la canzone napoletana è “Regina” in tutto il mondo e “nuje siemmo dei poveri Re!

Maestri, se dico una parola: Mario Merola, chi mi risponde?

“Eh…, mi fai…, rischia…” ma mentre Nino D’Angelo cerca una definizione tra le innumerevoli doti dell’Icona Mario Merola, Gigi D’Alessio interviene ”…vedi Angela, è come stai tu in mezzo a noi! Tu potresti essere Mario Merola…”, la grande metafora fatto dai due Maestri inevitabilmente mi onora e mi toccano profondamente, è un apprezzamento che molti artisti mi fanno ma fa sempre un certo effetto e così cerco di nascondere invano la mia emozione, ma entrambi i Maestri mi sgamano. Lì per lì Gigi D’Alessio continua il filo del suo

discorso “…perché Mario Merola ha creduto tanto in Nino D’Angelo, prima in Lui e poi dopo è passato a me…” poi unanime è la loro conclusione “…siamo passati nelle sue mani e quindi, Mario Merola, quando ci vede insieme, ci vede cantare la sera, si diverte…,” poi Gigi D’Alessio chiaramente si ferma e mi dice “…vedo che ti stai commuovendo…” mentre Nino D’Angelo sottolinea “…ma veramente con Mario Merola eravamo amici, eravamo una sola cosa e poi ha avuto la fortuna su due ragazzi che lui ha conosciuto e che vengono dalla stessa storia, dalla stessa Napoli. É come se “Lui” avesse indovinato. In un certo qual modo per noi è stata una fortuna…” ,“…ed è stata anche una grande responsabilità e non dobbiamo far fare brutta figura a Lui” prontamente aggiunge Gigi D’Alessio.

Grati per averci dato sempre attenzione alla nostra emittente TeleVideoItalia.net sia qui, sia al Festival di Sanremo, vi chiedo un saluto ai nostri telespettatori, ai lettori del Corriere d’Italia e non per ultimo ai nostri connazionali.

Vedi Angela…” premette Nino D’Angelo ”…per noi non esistono le televisioni grandi o piccole, come non esiste il colore della pelle e quant’altro. Noi siamo per la cosa giusta. Per noi la giustizia è la prima cosa. Una televisione piccola per noi è valsa come una televisione grande. Noi veniamo dalla radio e dalla televisione libera e sia per me, sia per Gigi D’Alessio, non fa nessuna distinzione…” Gigi D’Alessio concorda e aggiunge “ci abbiamo creduto, eravamo tutti piccoli, poi nella vita si cresce e quindi uno ha iniziato e continueremo a rispettare, perché tutti i piccoli possono diventare grandi, anzi…” “…guarda

amme, solo qua, nella mia statura si è fermato…” con sana ironia fa Nino D’Angelo, poi menzionano ma con non poca difficoltà i nomi delle Città tedesche designate e Nino D’Angelo ha già pronta una nuova battuta “...sai Angela, non parliamo bene il tedesco… e forse manco l’italiano…” “ma abbiamo imparato a dire: ich liebe dich… ” fiero ci dice Gigi D’Alessio, poi terminano così la nostra armoniosa chiacchierata “…facciamo un saluto a tutti i vostri telespettatori di TeleVideoItalia.net e al Corriere d’Italia per cui scrivi...” ci dice Nino D’Angelo “…sappiamo che ci amano e che ci vogliono bene e sia io, sia il mio amico Gigi D’Alessio, contraccambiamo”. “Ringraziamo voi che siete la parte bella dell’Italia…” termina Gigi D’Alessio “…che mantenete l’Italia all’estero e quindi siamo onorati e vi mandiamo un abbraccio grande ma soprattutto, vi auguriamo una buona vita”.

C’è un incomparabile feeling tra le due Star. Tre sono state le ore di puro spettacolo e dove hanno sfoggiato la bellezza di “sessanta canzoni” in ogni singola serata, scelti tra gli innumerevoli successi inclusi quelli degli anni ‘80 e ’90. Pura adrenalina e indescrivibili emozioni sono state portate a segno, insieme alla loro spettacolare band di musicisti, in tutte e quattro le colossali date estere: il 14 settembre a Zurigo (Svizzera), il 16 a Sindelfingen (Germania) il 17 a Liegi (Belgio) e il 18 nuovamente in Germania, a Düsseldorf.

In questi anni le due Star, hanno saputo raccontare e portare la loro Napoli in giro per il mondo. Hanno saputo emozionare e si sono emozionati nel vedere quanto amore incondizionato gli riserva il loro pubblico, anche fuori dall’Italia. Questo è quello che hanno regalato e senza esclusioni di colpi, Nino D’Angelo e Gigi D’Alessio in Figli di un Re Minore. Con grande umiltà abbracciano i nostri connazionali, s’inchinano e s’inginocchiano a loro senza pregiudizi e in entrambi scopriamo il lato umano specie quando, con le lacrime agli

occhi, abbracciano sotto il palco i loro fan e i diversamente abili. Scherzano con loro, dirigono il coro dei loro fan che intonano a squarciagola le loro canzoni, lanciano grandi messaggi come quello dei “cellulari” che spesso vengono usati incondizionatamente male, dimenticando la parte più importante della loro funzione, quella: di dedicare più tempo nel chiamare e tranquillizzare i propri genitori. Il mega schermo proietta le loro immagini, i loro ricordi e non per ultimo i grandi che hanno fatto la storia della musica napoletana nel mondo “Mario Merola” e che ora, spetta a entrambi, continuare questo grande percorso.

Ricchi di materiale ed entusiasmo, dedichiamo alcuni minuti ai selfie con i nostri fan della nostra testata TeleVideoItalia.net visibile anche sui Social e su Facenook, ma non prima di ringraziare chi ha “davvero” organizzato e diretto i fili delle quattro colossali date, in barba alle scellerate minacce che hanno ricevuto. In barba a chi si è intrufolato nei corridoi riservati per farsi un “selfie perfetto” con le Star per poi pubblicarle sui loro social per un loro tornaconto, appropriandosi indebitamente di meriti che non gli appartengono. In barba ai sudori, le fatiche e alle notti in bianco passate dai “VERI” organizzatori e i loro “SPONSOR” per realizzare ancora una volta uno spettacolo degno per i nostri connazionali e destinato a rimanere nella storia. Un grazie che in pochi, anzi no, in pochissimi hanno

saputo dire alla “MPV Concerti Italiani di Enzo Venturino e Marco Pagano”. Emozionatissimo e senza parole, per l’incredibile e inevitabile successo, Marco Pagano, nonostante lo stress e l’incidente avuto nel spezzarsi un braccio, è stato presente, ha tenuto fede a tutte le sue promesse e si è detto pienamente soddisfatto dei risultati ottenuti. Ha ringraziato tutti coloro che hanno creduto in lui e in questo mega progetto "Figli di un Re minore", l’intero staff di supporto, la nostra presenza. Ora vuole dedicarsi un po’ alla sua famiglia. Rispettosi per quanto ha fatto, ancora una volta per i nostri italiani emigrati, in questi suoi dieci anni di lodata carriera non ci resta che dirgli... Chapeau! Il servizio televisivo redatto in collaborazione con la SDA FotoVideo Production e visibile sui siti ufficiali di televideoitalia.net e corriereditalia.de


Servizio televisivo e stampa, redatto dagli studi televisivi di TeleVideoItalia Angela Saieva in collaborazione con la SDA FotoVideo Production, Channel-TV TeleVideoItalia.de, Corriere d'Italia, AISE SINE - © by TeleVideoItalia.de - Tutti diritti riservati.

805 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

ISCRIVITI GRATIS anche sul nostro canale YouTube: TeleVideoItalia.de e resta aggiornato sui servizi televisivi di TeleVideoItalia® Angela Saieva

 

 

 

 

 

 

 

Clicca sul nostro "LOGO" e

DIFFIDATE dagli "OMONIMI". ©Copyright www.televideoitalia.de

SDA FotoVideo Production

Fotografo italiano per matrimoni ed eventi

Per il tuo matrimonio o evento scegli il tuo fotografo di fiducia. Da 35anni al fianco della clientela e a prezzi competitivi.  Scegli il meglio, perché tu vali! 

  • SDA FotoVideo
  • SDA FotoVideo
Corriere d'Italia
Corriere d'Italia

press to zoom
Corriere d'Italia
Corriere d'Italia

press to zoom
1/1

Giornale italiano in Germania dal 1951. Puoi riceverlo anche a casa contributo minimo di 20.- annuo. 

  • Corriere d'Italia
  • Corriere d'Italia

"OBSESSION" 

Young Fashion Boys & Girls

Boutique: uomo, donna, bambino

Sartoria: cuciture a mano libera

Lina Catalano Tel. 07231.6047483

Maximilianstrasse 8, Pforzheim

E-Mail: arturocatalano24@gmail.com

MPV Concerti italiani

Organizzazioni spettacoli e concerti 

1/1

Spettacoli, concerti, eventi italiani in Germania. MPV Concerti italiani di Marco Pagano. Il meglio degli  artisti italiani. Prenota subito! 

  • MPV Concerti italiani
  • TeleVideoItalia
  • TeleVideoItalia
  • TeleVideoItalia
  • TeleVideoItalia
  • TeleVideoItalia